Rosa Canina di Maremma

La rosa canina di Maremma è la una specie di rosa che cresce spontanea nei boschi o anche lungo le strade maremmane.

Il nome “Canina” deriva dalla storia, in particolare a Plinio il vecchio, un soldato romano morso da un cane e guarito dalla rabbia, grazie al decotto di radici.

Il suo habitat ideale, sono le boscaglie di faggio, abete, pino e querce, gli arbusteti e le siepi, fino ad una quota di 1900 m.

È un pianta legnosa, spinosa, alta dai 100 ai 300 cm, con fusti spesso arcuati e pendenti e radici profonde.

Le spine sono rosse, robuste e arcuate, le foglie sono caduche e composte da 5-7 piccole foglie ovali o ellittiche.

Fiore Rosa Canina di Maremma

La rosa canina fiorisce da Maggio a Luglio, i suoi fiori della Rosa Canina hanno un colore rosa o bianco, raramente rosso e possono avere una larghezza di circa cinque centimetri. Crescono solitari oppure in gruppi formati da due o tre.

I suoi frutti (di 1-2 cm) carnosi e colorati di un rosso vivace raggiungono la maturazione nel tardo autunno.

Proprietà Rosa Canina

Grazie alle sue proprietà antinfiammatoria e vitaminizzante, è molto utile nella cura di congiuntivite e asma, ma anche per l’assorbimento di calcio e ferro.
Le bacche della Rosa Canina sono ricchissime di Vitamina C, pensate che è molto più presente che nelle arance e limoni.

Le bacche sono utili anche in caso di diarrea e coliche intestinali, grazie alla presenza di tannini che favoriscono l’azione restringente.

E’ in grado di equilibrare il funzionamento del sistema immunitario, ottima quindi per prevenire influenza, raffreddori, tosse, ma anche in fase di guarigione per evitare ricadute.
Viene utilizzata nella prevenzione delle allergie e delle riniti, ma è in grande anche di alleviare problematiche di tipo infettivo come possono essere appunto tosse e raffreddore.
Da ultimo, ma non meno importante, la Rosa Canina di Maremma è in grano di eliminare le tossine dal corpo tramite l’urina.

rosa canina di maremma

La Rosa Canina viene anche usata per la preparazione di confetture e tisane, dove ne parleremo in un secondo momento.