Caldana

Caldana è una frazione del comune di Gavorrano, in provincia di Grosseto.

Situato a sud-est ed a soli 10 km da Gavorrano, il borgo di Caldana sorse prima dell’anno Mille come possedimento dei vescovi di Roselle, che successivamente lo cedettero ai monaci dell’abbazia di Sestinga.

Nei secoli successivi divenne proprietà della famiglia Pannocchieschi, prima di passare sotto il controllo dei Senesi. A metà Cinquecento Caldana entrò a far parte del Granducato di Toscana, a seguito della caduta della Repubblica di Siena.

Caldana. Foto: Simona Pandolfini

Caldana. Foto: Simona Pandolfini

Cosa vedere a Caldana

Chiesa di San Biagio, chiesa parrocchiale della frazione, costruita nel XVI secolo su probabile impianto duecentesco. Nel 1828 fu costruito il campanile e nel 1970 tutta la struttura ha subito un notevole intervento di restauro. Al suo interno, tra le varie opere, si segnala l’affresco dell’altare maggiore di Giuseppe Nicola Nasini con San Biagio vescovo e san Guglielmo in adorazione del Crocifisso.

Caldana, Chiesa di S. Biagio. Foto: Simona Pandolfini

Caldana, Chiesa di S. Biagio. Foto: Simona Pandolfini

Canonica di San Biagio, situata a Caldana, costituisce il nucleo originario della vecchia pieve duecentesca. La facciata ha subito rifacimenti tardo-cinquecenteschi.
Oratorio di Sant’Antonio da Padova, costruito nel 1670 per volere del conte Annibale Bichi, ha una facciata rivista nel corso del XIX secolo, mentre all’interno si segnalano un interessante altare maggiore in stucco realizzato nel 1678 da Domenico Notari e due dipinti seicenteschi: l’Apparizione della Madonna, di Cristo, di sant’Antonio da Padova e di san Biagio a san Guglielmo in preghiera, e Angelo custode con Gesù Bambino in contemplazione degli strumenti della Passione.
Convento di Sant’Agostino, situato tra via Alessandrini e via della Chiusa, è documentato sin dal 1629 e ospitò gli Agostiniani fino al 1652, anno della sua soppressione. Oggi si presenta notevolmente trasformato e adibito ad edificio residenziale.
Palazzo Tosi, situato in via Montanara, risale al XVII secolo. Interessante è la sua loggia vetrata all’ultimo piano, mentre all’interno è ancora situata la vecchia cisterna. Un’ala del palazzo era originariamente destinata a frantoio e magazzino.
Mura di Caldan, costruite in epoca alto-medievale a difesa dello storico borgo, si presentano con forma quadrangolare, con la presenza, ungo la cinta muraria, di quattro imponenti bastioni angolari. Le mura oggi sono state inglobate in buona parte dalle costruzioni intorno alla chiesa di San Biagio.
Castello di Caldana, edificio storico difficilmente identificabile poiché inglobato in varie abitazioni in periodo rinascimentale. Sul frontone vi è lo stemma degli Agustini.

caldana

Regione Coat of arms of Tuscany.svg Toscana
Provincia Provincia di Grosseto-Stemma.png Grosseto
Comune Gavorrano-Stemma.png Gavorrano
Territorio
Coordinate 42°53′43″N 10°55′39″E
Altitudine 178 m s.l.m.
Abitanti 906 (2011)
Altre informazioni
Cod. postale 58023
Prefisso 0566
Fuso orario UTC+1
Nome abitanti caldanesi, zucchini

Si ringrazia Simona Pandolfini per averci inviato le sue foto di Caldana! 🙂